Crea sito

Tagged: Roma

Riemergo

Riemergo dopo tanto silenzio, rendendomi conto che aspettare non è sempre la giusta soluzione.
In questo caso aspettavo giorni più felici, che però non sono ancora arrivati.

Tra le novità:

  • Siamo andati a Calcata, al Celtic Festival, ed era davvero carino e ben organizzato. Ci siamo divertiti e svagati e ho fatto un po’ di foto, anche se non mi soddisfano molto i risultati. Il panorama era stupendo, si sentiva lo scrosciare dell’acqua di un ruscello sotto di noi, ma, per la tanta vegetazione, quasi non si riusciva a vedere!
  • Siamo anche andati alla festa del vino a Marino, ma questa era un caos bestiale e davvero deludente. La fontana dalla quale doveva sgorgare il vino era tutto fumo e niente arrosto e lo stesso vino lasciava molto a desiderare. Le persone erano davvero troppe e il tutto era organizzato da cani. Mai più.
  • Mia sorella è andata e tornata dal viaggio di nozze (New York e Los Angeles) portandomi una sciarpetta. Avrei dovuto avere anche una maglietta, ma ha erroneamente pensato che portassi la sua taglia, quindi ha dovuto tenerle tutte per lei.
  • I miei sono venuti una settimana a Roma (invitati da *lui*, quindi non consideratelo il povero martire eh!), hanno visto dove vivo, quanta strada devo fare tutti i giorni per andare a lavoro e la mia casetta, che peraltro è stata apprezzata un po’ da tutti (sì, gli zii via whatsapp mi hanno chiesto di farne un video. La mia voce registrata è irriconoscibile per me LOL). Gli ho anche fatto provare il cinese e sono stati pure abbastanza soddisfatti (e chi se lo sarebbe mai aspettato?). Abbiamo fatto un breve giro in centro e mia madre è tornata a casa con un po’ di regali per mia sorella, tra cui un sapone della Lush. Sì, perché, per la prima volta in vita mia, ho avuto il coraggio di entrare in un negozio Lush e di restarci più di due secondi nonostante tossissi per i troppi profumi. E ho scoperto che l’odore non è la cosa peggiore che potesse esserci lì dentro. No. La cosa peggiore è la commessa che ti spalma una crema sul braccio senza chiederti il permesso. E io ero tipo stahp plox what r u doin?!
  • Per una settimana invece starò io a Torre, perché ho arretrate tante di quelle commissioni che non so neppure se posso farcela in così poco tempo! Tra le altre cose, dovrei prendermi la pergamena di laurea, rinnovare la patente (cosa che non farò perché non ho alcuna intenzione di farmi le fototessere adesso), andare in banca, dall’oculista e dalla dentista e far venire l’estetista (le rime non sono volute eh). E tanto altro ancora.

 

Sì, il video non c’entra nulla, ma la canzone mi piace e poi ormai la collego al libro che sta scrivendo una mia amica <3

More

Vita sociale

Mercoledì.
Siamo usciti per cena con un amico di *lui*. Una persona che mi fa piacere incontrare, è simpatico e sempre gentile, ma soprattutto sembra essere attento ai bisogni altrui. Una cosa che raramente si vede in giro. Abbiamo optato per una pizza e (strano ma vero!) siamo riusciti a trovare una pizzeria, vicino Re di Roma, che le fa buone quasi quanto a Napoli. Almeno erano vere pizze e non le solite focacce! A casa stanchissima.

Giovedì.
Non me la sarei persa per niente al mondo, la presentazione del libro L’architettura del continuo curato da Emmanuele. Il libro non l’ho ancora letto, ma l’evento è stato interessante e pieno di spunti. E’ proprio un ambiente che apprezzo! Sinceramente, spero che questo tipo di iniziative fiorisca il più possibile.

Venerdì.
E’ venuto Gae con un amico, quindi siamo passati a prenderli ad Anagnina per poi uscire tutti insieme. Buddha Smile. Ho preso una birra scura (Reigele Weizen Augustus) che è piaciuta non solo a me, ma pure a *lui*!

Sabato.
L’idea era quella di andare a vedere Daniele Silvestri, ma devo ammettere che non mi allettava tantissimo. Per mia fortuna il concerto è finito prestissimo così ci siamo dedicati ad altro e siamo finiti in una specie di… boh? Birreria? Ex salumeria? Fatto sta che son riuscita a mangiare un panino prosciutto e mozzarella con dentro una vera mozzarella di bufala! Gnam!

Domenica.
Relax.
Finalmente!

More

Alle ortiche!

Lo scorso weekend è stato il primo solo per noi, e sono stata bene benissimo anche se avevo un po’ di raffreddore e non è che mi reggessi tanto in piedi, ma vabbè.

Questa settimana ho lavorato poco, nel senso che venerdì, causa scioperi e non solo, abbiamo saltato. Quindi settimana cortissima.

Giovedì sono passata al mercato di Via Sannio e sono rimasta un po’ sconvolta dalla gente che ti chiama, ti chiede di guardare le cose, vuole sapere che stai cercando, che ti serve, quali sono i tuoi gusti. Insomma un po’ troppo invadenti per i miei gusti, lì per lì ho pensato che ci sarei tornata volentieri, ma con la scorta. vediamo se sarà possibile farci una capatina con *lui*.

Ieri sera una bella pizza con Anto e Fabio e tante chiacchiere. Era praticamente l’unico pensiero positivo che mi ha aiutato a superare questo lungo weekend.

Ora è domenica sera, sono a Torre davanti al portatile a concludere questa settimana un po’ sui generis, da sola.

Domani ho ancora da fare qui, poi nel pomeriggio prendo un bel regionale e torno nella capitale. Sarà noioso, come al solito. Troppe ore di viaggio, nessuno con cui condividerle. Spero solo che il nuovo mp3 pezzottissimo cinese regga a sufficienza.

Mercoledì sera dovremmo uscire con un amico di *lui*, mentre giovedì ho un impegno importantissimo che non posso proprio perdere.

Sto quasi mandando alle ortiche il mio essere asociale. Per non parlare della misoginia. Non mi riconosco più.

More

vita romana

  • Il progetto coi colleghi procede bene, anzi direi benone. E’ decisamente appagante lavorare con menti preparate e desiderose di darsi da fare. Per non parlare, poi, dell’importanza di avere render fatti come si deve!
    Insomma, sono proprio soddisfatta.
  • La vita a Roma procede (quasi?) senza intoppi. Dopo un lunedì disastroso a causa della pioggia, non ci sono stati altri problemi.
    E’ bello sapere di poter andare un po’ dove ti pare, perché ci sono i mezzi per farlo.
    E l’abbonamento is the way.
  • Il fratello (+ fidanzata) di *lui* è ancora in casa ma nei prossimi giorni andrà via, portando con sé un po’ di cose. Avrei voluto sapere prima cosa portava via e cosa no.
    Sappiamo per certo che resteremo senza letto per un po’, ma abbiamo già comprato il nostro nuovissimo Dorelan
  • Il mio giovedì libero è stato sprecato a sbrinare il frigo. Una faticaccia, che non sarebbe mai terminata senza di *lui* (e senza la sua forza bruta!)
    Da annotare anche il fatto che mi ha salvato la vita uccidendo un insettaccio schifoso (dopo aver fatto mille storie perché lo uccidessi io… non so chi dei due era più terrorizzato, se io o *lui*. O l’insettaccio, ovvio.)
  • Oggi apro finalmente il pacco arrivato a casa ieri mattina (e che ha portato mia madre e mia sorella a chiamarmi per chiedermi che c’era dentro. Peccato che non lo sapessi). C’ho trovato un sacco di campioni di ammorbidente Lenor (più una confezione da 75 per me) da distribuire in giro. Avevo aggiunto la riga “ammorbidente” proprio oggi sulla lista della spesa.
    Comunque mia madre li vorrebbe tutti per sé, l’ho già capito. Dice che costano un botto!
More

19 Settembre

PTI 19 2Lo ammetto, senza vergognarmene nemmeno troppo: lo spirito da manifestazione mi ha solo sfiorata, giovedì.
Vista l’importanza della cosa, non avrebbe dovuto esser così, ma dovreste capirmi. Era la prima occasione che avevo per incontrare tanti amici conosciuti solo online, e tutte le mie energie da sociopatica erano incanalate in quest’unico pensiero.

Quando sono arrivata al luogo dell’appuntamento ho pensato che, essendo in ritardo, probabilmente erano già andati via. E invece c’era Fabrizio, che per fortuna m’ha riconosciuta, altrimenti non oso immaginare.

In piazza c’era più gente di quanta me ne aspettassi, arrivata da tutta Italia coi pullman. C’è chi, tra andata e ritorno, s’è fatto 8 ore di viaggio, per venire a Roma a far sentire che c’era!
Sul palco si sono susseguiti vari relatori, tutta gente di un certo rilievo, sia nel campo della ricerca che non: è venuta anche la presidente dell’associazione Thalidomitici Italiani!

Purtroppo se si stava un po’ in disparte non si riuscivano a capire i vari interventi, e io ero troppo impegnata a vivere per poterli ascoltare con attenzione. Ma si può sempre recuperare con il file audio :)

Intanto ho rivisto Bruno, conosciuto Silvia ed Emmanuele, Francesca e Cassandra e Daria e Jas e.
Insomma, ne sono troppo troppo felice.

E spero proprio di rivederli a breve :D

More

Io sto con la ricerca!

manifesto_roma_v12-09-2013Giovedì, a Roma, ci sarà una manifestazione organizzata da Pro-Test Italia. Cercheremo di far comprendere ai politici che, in merito alla direttiva europea 2010/63, stanno combinando solo grandi casini.

Per chi non lo sapesse, si tratta della normativa attualmente vigente in Europa circa la sperimentazione animale. Ovviamente deve essere recepita dagli stati membri.
In Italia se ne sono occupati il 31 Luglio, approvando, alla Camera, una legge che -purtroppo- ha svariati punti critici:

  1. L’Italia vuol rendere obbligatoria l’anestesia o l’analgesia in tutti i casi, quindi anche per un banale prelievo o se si stanno facendo dei test su nuovi analgesici.
  2. L’Italia vuole vietare l’allevamento di cani, gatti e primati destinati alla SA sul suo territorio, il che implicherebbe l’importazione dall’estero, con conseguente stress per gli animali e un aumento del costo.
  3. L’Italia vuol vietare:
    – gli xenotrapianti, obbligando i pazienti che ne necessitano a farsi impiantare valvole metalliche;
    – le ricerche sulle sostanze d’abuso
    – le esercitazioni didattiche con gli animali nella maggior parte degli indirizzi universitari, formando così dei professionisti impreparati che metteranno a rischio la salute dei pazienti (umani e animali).

Io parteciperò, perché penso che quello della ricerca biomedica sia un settore troppo importante per poterci permettere di maltrattarlo con una legge di questo tipo.

Per maggiori informazioni: link!

 

More

Considerazioni sparse

Le prime considerazioni rigorosamente sparse, dopo la mia prima vera settimana a Roma.

  • Due ore di viaggio all’andata e due al ritorno passano più volentieri se i mezzi pubblici funzionano.
    Ancora meglio se c’è qualcuno con cui fare il viaggio, o almeno metà del viaggio.
    Ma andrebbe bene anche leggere un libro o ascoltare musica.
  • Per il punto sopra, sento sempre più la necessità di un ebook reader e di un lettore mp3.
  • Fare le pulizie domestiche non è un peso finché non arriva il giovedì, giorno delle grandi pulizie (che temo sempre di fare in maniera errata).
  • A Roma c’è chi è tanto disponibile da sorprendermi.
  • Il pullman 052 è un toccasana. Quando e se arriva.
  • Quella casa è troppo piccola per tre persone e io ho bisogno di stare un po’ con *lui*.
    Sola con *lui*.
  • Lavorare (pagati o no) stanca.
  • Mi sento sempre l’ultima arrivata. E stavolta a ragion veduta.
  • Il mio umore può oscillare tra due estremi una quantità infinita di volte durante una giornata.
    Soprattutto di giovedì.
  • Dovrei fare un test per capire se è più lento il portatile o il cellulare.
  • Sono sempre la più brava al pc.
  • Ho voglia di patatine al formaggio (non c’azzecca niente, ma vabbè).
  • Le pizzette di Roma sono delle bombe che ti riempiono subito.
  • Il bar a piazza Mancini non mette la crema pasticciera nei cornetti ma una cosa insipida che non so che sia.
  • Il custode si chiama Francesco.
  • Alla sera crollo ad un orario normale, come le persone normali.
    Non ho ancora deciso se è un bene o un male.
More